Benvenuti!

"Quando curi una malattia puoi vincere o perdere;
Quando ti prendi cura di una persona puoi solo vincere"
(Patch Adams)


"La diversità è uno i valori fondamentali del nostro secolo. La diversità è colore, cultura, ricchezza, scambio, crescita, necessità, fa parte della storia di ogni uomo. Spesso però la diversità appare come un pericolo, una minaccia,una barriera che si oppone tra i simili e "gli altri". 
E' di certo molto più riposante avere a che fare con ciò che già conosciamo, con persone nelle quali ci riconosciamo in situazioni già collaudate. sono diversi e quindi esclusi ed emarginati dalla società gli immigrati, gli omosessuali, i matti, i portatori di handicap, i perdenti in genere e addirittura siamo arrivati al paradosso che si considera diverso in quanto "sfigato" chi non imbroglia, chi non si sballa, chi non veste alla moda,chi non entra nella taglia 40, chi non frequenta il giro giusto.
Penso che non ci sia cosa più stupida di generalizzare e niente di più pericoloso di vivere nel pregiudizio, perche poi si trasforma in rabbia e la rabbia degenera in odio. Forse bisognerebbe cominciare a distinguere i "cattivi" non in base al colore della pelle, alla religione, al paese di origine, alle tendenze sessuali, ma in base ai " comportamenti ". Andrebbe additato chi non rispetta le regole, chi soggiace alle leggi del branco, chi è disonesto, prevaricatore, chi non cambia opinione, chi si accontenta di essere uno dei tanti, sordo e cieco, mentre la vita scorre e tutto inevitabilmente cambia. 

Gestire la diversità richiede impegno, coraggio, pazienza, ma regala la gioia della scoperta, l'avventura del viaggio, il rischio del confronto e l'audacia del mettersi in discussione. Io credo che il primo passo da fare sia quello di cominciare a considerare la diversità non come un elemento da tollerare ma come un bene da TUTELARE."

Contatto rapido
Acconsento al Trattamento Dei miei dati Personali nel rispetto del decreto legislativo 196/2003.  Leggi »